29 Febbraio 2024

È la mancanza di idee e non di denaro a paralizzare i Comuni calabresi

0

di Rodolfo Bava

A sostenere la tesi del titolo dell’articolo è il sindaco di un piccolissimo Comune della Calabria: Sellia. Si tratta del medico Davide Zicchinella, il quale ha intrapreso il ruolo di primo cittadino, esclusivamente per fare trarre dei vantaggi alla piccola comunità. Si è dotato di alcuni collaboratori, volontari civici, senza alcuna remunerazione. Naturalmente, molti calabresi condividono l’idea del predetto medico.

Hanno iniziato con l’utilizzare i fondi del PSR Calabria, denominati PIAR (Progetti Integrati per le Aree Rurali) per potere realizzare una rete WI-FI comunale, facendo accedere gratuitamente i cittadini del piccolo paese. Invece con fondi europei hanno realizzato un “Parco Avventura” ed un’”Area Fitness” all’esterno.

Con altre risorse, messe a disposizione del Ministero dell’Interno, destinate ad interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile hanno dotato Sellia di una rete IOT (Internet of Thing), al fin di potere digitalizzare tutti i servizi. Altra importante opera la “Stazione della Salute”.

I cittadini di Sellia potranno ottenere subito il monitoraggio dei seguenti parametri: pressione arteriosa, temperatura corporea, peso, saturazione ossigeno, frequenza cardiaca.

Premessa necessaria per potere intraprendere un’escursione guidata e digitalizzata nell’antico borgo del paese e nella rete museale denominata SMOS (Sistema dei Musei e degli Opifici storici di Sellia).

Sull’esempio del sindaco Zicchinella, i vari Sindaci della Calabria quante cose potrebbero realizzare? Ci permettiamo di suggerire alcune fonti di finanziamento. Eccole: Prospetto dei programmi europei 2021-2027; Il famoso PNRR; Contributi per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale; Contributi relativi all’efficientamento energetico e dello sviluppo territoriale sostenibile; PSR Calabria denominato PIAR (Progetti Integrali per le Aree Rurali); Contributi europei ai piccoli Comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *