29 Febbraio 2024

XXI Giornata nazionale dedicata al superamento delle barriere culturali e architettoniche

0

di Pietro Cusati detto Pierino

1° ottobre 2023 . E’ giunto alla ventunesima edizione la Giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche. L’iniziativa è organizzata dal Fondo italiano abbattimento barriere architettoniche (Fiaba), in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei ministri e con il sostegno di numerosi enti e istituzioni, tra cui l’Inail.

“L’abbattimento delle barriere architettoniche, un’opportunità per migliorare la qualità della vita” è il titolo della campagna 2023 di sensibilizzazione lanciata da Fiaba Onlus.  La Giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche è stata istituita nel 2003 con direttiva del presidente del Consiglio dei ministri e si svolge a Roma ogni prima domenica di ottobre. Il Fiaba è nato nel 2000, non solo con l’obiettivo di promuovere l’abbattimento delle barriere architettoniche per la creazione di spazi accessibili a tutti, ma soprattutto per sensibilizzare l’opinione pubblica alla necessità di costruire una società senza barriere culturali, dove siano garantiti a tutti i diritti e la piena partecipazione alla vita sociale, politica e civile. «Le barriere architettoniche impediscono l’esercizio dei normali diritti a intere categorie di cittadini e la Giornata Nazionale per il loro Abbattimento è stata istituita con l’intento di accrescere la consapevolezza di come questi ostacoli siano nocivi per l’intera società.La loro persistenza si traduce in una lesione della dignità di ogni persona, di tutte le persone.Nessuno deve più essere messo nella condizione di dover rinunciare ad andare a scuola o al lavoro, a partecipare a un concerto o a una manifestazione solo perché non sono previsti strumenti appropriati di accesso o per la presenza di comportamenti aggressivi e discriminatori nei confronti dei portatori di disabilità. Lo ha detto in un messaggio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.‘’Occorre un impegno rinnovato e permanente nella progettazione, nell’adeguamento e nella gestione degli spazi affinché le azioni della Pubblica Amministrazione e degli operatori privati siano improntate oltre che, naturalmente, al rispetto delle normative esistenti, a principi di solidarietà e responsabilità, nella consapevolezza che solo affrontando e vivendo il problema nella sua dimensione comunitaria, sarà possibile apportare benefici a tutti»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *