25 Febbraio 2024

“A sua immagine – San Francesco di Assisi tra arte e spiritualità”: l’evento che ha celebrato i 600 anni del convento di San Francesco a Padula

0

di Giovanna De Luca

Si è tenuto ieri, domenica 7 maggio, l’incontro “A sua immagine – San Francesco di Assisi tra arte e spiritualità”. L’evento, che ha avuto luogo nella chiesa del convento di San Francesco di Padula, è stato voluto dall’assessore alla cultura del comune di Padula, Caterina Di Bianco, per celebrare i 600 anni dalla fondazione del complesso monastico. Come l’assessore specifica: “non 600 anni dalla posa della prima pietra ma da quando il convento è stato consegnato ai frati. Il convento di San Francesco per i padulesi è luogo di fede, di devozione, di tradizioni e di cultura etno-antropologica: è il nostro rifugio. Capire e conoscere meglio il luogo in cui ci troviamo è una cosa doverosa”.

L’incontro, aperto dai saluti di Fra Marco Della Rocca, Padre Guardiano dei conventi francescani di Padula e Polla, della sindaca di Padula Michela Cimino e dell’assessore Di Bianco, ha avuto come tema centrale l’analisi della figura di Francesco e delle principali opere d’arte che lo hanno raffigurato. Nel suo intervento, la storica dell’arte Emma Russo Carrara ha esposto ai presenti la storia del convento, voluto da Giovanni Tommaso Sanseverino intorno al 1380, affidato all’ordine dei Frati Minori nel 1422 e poi definitivamente chiuso dallo Stato Italiano nel 1866, con conseguente dispersione di buona parte del patrimonio artistico e librario in esso contenuto. Dopo una dettagliata descrizione dell’edificio, la Russo Carrara si è ampiamente soffermata sulla figura di Francesco, “una delle figure più carismatiche che la storia ci abbia lasciato, esempio concreto della parola di Dio sulla terra, che oppose alla violenza della società in cui visse parole come pace, amore e fraternità”.

È seguito poi l’intervento di Fra Domenico Marcigliano, responsabile dell’Ufficio Arte e Cultura della Provincia Salernitano/Lucana dell’Ordine dei Frati Minori che ha preso in rassegna le principali rappresentazioni del santo di Assisi nell’arte.

A concludere l’incontro i saluti e i ringraziamenti di Frate Antonio Ridolfi, ministro della Provincia religiosa Salernitano/Lucana dell’Ordine dei Frati Minori, il quale ha dichiarato: “Questo luogo è caro a noi francescani che, seppur a distanza, assicuriamo la nostra presenza e il nostro servizio. Cerchiamo di dare una maggiore conoscenza del luogo al fine di rendere il convento quanto più possibile un luogo di accoglienza e di spiritualità, valori fondamentali di cui Francesco stesso è un punto di riferimento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *