19 Aprile 2024

Lo scrittore e giornalista Gigi Moncalvo ha pubblicato un nuovo libro “Agnelli coltelli”, la famiglia più controversa d’Italia.

0

Di Pasquale Scaldaferri

In questa intervista di 53 minuti si passano in rassegna le luci (poche) e le ombre (innumerevoli) della saga sabauda.
Interessante ciò che viene fuori, ma per sintesi segnalo alcuni punti salienti.
Minuto 30, i giornaletti asserviti al potere precostituito; minuto 33, John Elkann, il falso perbenista e il mistero della morte di Edoardo Agnelli, punta dell’iceberg dei misteri della famiglia.
Minuto 39:46, forniture parti elettriche per auto in appalto ad una ditta di proprietà di un piccolo imprenditore indagato per mafia, già compagno di scuola (soltanto?) di Mattia Messina Denaro (vi ricorda qualcuno questo nome?). Infelici coincidenze, oppure strategia per “campare in pace”?
Sconcertanti anche gli argomenti al minuto 48, con la morte del figlio di colui che chiamavano avvocato, anche se non avendo mai sostenuto l’esame di abilitazione alla professione forense il titolo non gli competeva. Su quel tragico e oscuro episodio del 15 novembre 2000, in cui il primogenito fu trovato morto sotto il ponte di Fossano, periferia di Torino, la famiglia non ha mai voluto chiedere la riapertura delle indagini, infittendo ancor più il mistero sulla sua tragica fine.
Al minuto 49:50, Gigi Moncalvo parla anche di una intervista in ginocchio dell’onnisciente Veltroni -l’eterno secondo, meteora di una politica al trapassato remoto- a cui il nipote saltimbanco Lapo -già arrestato in America per simulazione di rapimento- dà. più di una risposta “stupefacente”.
Buon ascolto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *