19 Luglio 2024

Rubrica: “Alimentazione e Benessere” a cura della Dott.ssa Michela Caporrino

Le bietole sono una verdura che deriva dalla barbabietola, molto diffusa in tutto il Mediterraneo e per questo motivo ben radicate nella cucina italiana. La beta vulgaris, o barbabietola che dir si voglia, è la specie dalla quale deriva la bietola e che ne ricalca in larghissima parte il profilo organolettico e alimentare. Generalmente la si può trovare in due forme: la bietola (o bieta) da taglio, costituita da foglie verdi tipicamente innervate di bianco, giallo oppure rosso e la bietola da costa, che oltre alle foglie presenta anche un gambo più grosso, anch’esso dai colori variabili dal bianco al rosso Il consumo delle bietole risale al mondo classico, come testimoniano fonti di Teofrasto, Columella e Plinio il Vecchio, ma la loro maggior diffusione è più recente, e coincide con la lavorazione della barbabietola come fonte di zucchero. Povera di calorie ma dal buon profilo vitaminico, la bietola è un prodotto immancabile nella cucina invernale.

Proprietà nutrizionali

100 grammi di bietole apportano circa 20 kcal all’organismo. Il peso dell’ortaggio è così suddiviso:

  • 92,65% acqua
  • 4,13% carboidrati
  • 1,88% proteine
  • 0,08% grassi

Nei carboidrati si nota una prevalenza delle fibre rispetto agli zuccheri, mentre i grassi sono pressoché assenti. Molto valido l’apporto vitaminico, che si concentra nel ceppo della vitamina C , vitamina B9 , con un minore contributo della vitamina B1, B2, B3, B5, B6, oltre che delle vitamine E e K. Il contenuto di potassio si aggira intorno al mezzo grammo, con livelli più bassi di sodio , magnesio, calcio e fosforo.

Benefici delle bietole

✓ Alleata della forma fisica .

✓ Antiossidante e antinfiammatoria.

✓ Proprietà antipertensive .

✓ Diuretica e disintossicante .

✓ Contribuisce al benessere intestinale .

✓ Proprietà antianemiche .

✓ Bietola per la salute delle ossa.

✓ Remineralizzante e idratante .

✓ Proprietà antiemorragiche.

Effetti collaterali

Sono pochi gli effetti collaterali delle bietole. Tra questi possiamo citare l’elevato apporto di sodio, che ne rende il consumo sconsigliato a chi soffre di ipertensione. Un abuso della bietola, infine, può avere effetti lassativi: va dunque consumata con cautela.

Come scegliere le bietole

Le bietole si contraddistinguono per le foglie ampie e dalla parte centrale molto soda che, se spezzata con le mani, restituisce un rumore sordo e netto. Ogni costa deve essere uniforme per colore e consistenza, senza buchi o macchie di colore scuro (sintomo di marcescenza), con le foglie turgide e parimenti le coste (di colore generalmente chiaro).

Stagionalità

La bietola è una verdura prettamente autunnale e invernale. La si può trovare facilmente in commercio fresca da settembre a febbraio e, a seconda delle specie, anche da maggio a luglio.

Varietà

Sono diverse, per forma e colori, le varietà di bietole. Tra queste possiamo citare:

  • bietola a costa bianca: molto diffusa, presenta delle foglie ricce di colore verde chiaro e delle coste bianche piuttosto larghe
  • verde Erbetta: foglie larghe e gambi molto sottili, anch’essi di colore verde, ricca in magnesio
  • Svizzera multicolore: varietà primaverile estiva dalle coste color rosso-giallo-arancione e foglie tendenti al violaceo
  • a costa bianca Lusiana: foglie piccole di colore verde intenso, coste bianchissime e spesse, ottimo profilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *