23 Luglio 2024

Rubrica “Filastrocche e dintorni” a cura di Francesco Sampogna

Mo vene Natale
nun tengo denare,
me fumo ‘na pippa
e me vaco a ccuccà.
Quanno è stanotte
ca sparano ‘e bbotte,
me metto ‘o cappotto
e vvaco a vedè.
Nuvena, nuvena,
ca mammeta è prena
ha fatto ‘nu figlio
e se chiamma Michele,
e tene ‘na figlia
c’addora ‘e tabbacco
e quanno cammina
l’abballano ‘e ppacche.


variante ultima quartina:


N’ha fatto n’ato
se chiamma Carluccio
e mmammeta tene
‘a córa ‘e ciuccio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *