19 Luglio 2024

Elezioni politiche del 25 settembre, come si vota: la guida completa

Urne aperte dalle 7 alle 23 e le operazioni di spoglio cominceranno subito dopo la fine delle votazioni. Ecco tutto quello che c’è da sapere: da cosa portare al seggio fino a come compilare le schede correttamente in modo che non vengano annullate

Le novità

Sono due le principali novità di questa tornata elettorale. La prima è che, con la legge sulla riduzione del numero dei parlamentari, si eleggeranno 400 deputati (invece che 630) e 200 senatori (invece che 315). La seconda è che l’età minima per votare è di 18 anni sia per la Camera che per il Senato, mentre fino alle scorse elezioni per il Senato bisognava aver compiuto i 25 anni.

Cosa portare al seggio

I cittadini si dovranno presentare al seggio elettorale di appartenenza portando con loro una scheda elettorale che non abbia terminato lo spazio per i timbri e un documento di identità valido. La tessera elettorale, se necessario, si rinnova presso l’ufficio elettorale del comune di residenza. L’ufficio resterà aperto anche dalle ore 9 alle ore 18 il 23 e il 24 settembre e, nel giorno della votazione, per tutta la durata delle operazioni di votazione, e quindi dalle 7 alle 23. Una volta nel seggio gli elettori riceveranno due schede, una rosa per la Camera e una gialla per il Senato, e una matita. È vietato introdurre nella cabina elettorale telefoni cellulari o apparecchiature per fare foto o video. Inoltre, dalla scorsa tornata elettorale, quella del 2018, le schede elettorali che verranno consegnate prima di entrare nella cabina sono dotate di un tagliando antifrode: è un’appendice di carta con un codice di lettere e numeri. Il codice verrà controllato prima di consegnare la scheda all’elettore e, dopo il voto nella cabina e la restituzione della scheda, il tagliando verrà staccato dal presidente del seggio e i membri del seggio dovranno controllare che corrisponda e che quindi la scheda sia la stessa.

La legge elettorale

Il metodo previsto dalla legge elettorale, il Rosatellum, è lo stesso utilizzato per le ultime legislative, quelle del 2018. Si tratta di un sistema misto. Parte dei seggi viene assegnata con i voti ottenuti nei collegi uninominali, che seguono il metodo maggioritario: ogni partito o coalizione presenta un solo candidato e viene eletto il più votato di tutti. I seggi restanti sono spartiti con le preferenze che risultano dai collegi plurinominali, in cui viene eletto un numero di candidati proporzionale ai voti ricevuti da ogni lista o coalizione. La legge elettorale è la stessa sia per la Camera dei Deputati che per il Senato e la sua impostazione si riflette inevitabilmente sulla scheda elettorale che i cittadini troveranno alle urne. I candidati saranno quindi divisi in collegi uninominali e collegi plurinominali. Il meccanismo di voto non è però immediato.

Come si vota

Tracciando solo una “X” sul nome del candidato uninominale, si vota anche per i collegi plurinominali: il voto verrà spartito tra le liste sotto il nome del candidato uninominale. A ciascuna sarà assegnato una percentuale del voto, sulla base dei voti complessivi ottenuti in quel collegio. Allo stesso modo, tracciando una “X” a matita sulla lista nel collegio plurinominale, si va a esprimere in automatico anche il voto per il collegio uninominale, che andrà al candidato sostenuto dalla lista per cui si è deciso di votare. Sulla scheda è però possibile tracciare anche più di una “X”. Si possono, ad esempio, indicare sia la lista che i nomi che la accompagnano nel collegio plurinominale. Anche in questo caso, il candidato uninominale otterrà un voto. La scheda è valida anche se decide di segnare una “X” sia sul nome del candidato al collegio uninominale che sul simbolo della lista nel plurinominale. Quello che invece non è previsto dal Rosatellum è il voto disgiunto. Se si traccia una “X” per il candidato di un collegio uninominale e un’altra su una lista che non lo supporta, la scheda non è considerata valida. Non si possono nemmeno esprimere due voti per due diversi candidati nei collegi uninominali. Così come non si può votare per due liste diverse. Come spiegato nelle Faq del ministero dell’Interno sulle votazioni,  “secondo la più recente giurisprudenza, l’elettore che si rende conto di aver sbagliato nel votare può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda stessa, potendo esprimere nuovamente il proprio voto. A tal fine, il presidente gli consegnerà una nuova scheda, inserendo quella sostituita tra le schede deteriorate”.

Quando la scheda è nulla?

Le schede elettorali che non vengono compilate seguendo le regole vengono giudicate inammissibili dagli scrutatori. Ci sono varie casistiche per cui questo può succedere. Ad esempio, se la scheda ha segni di riconoscimento (scritte, disegni ecc.). La scheda può essere poi annullata anche se non viene compilata con la matita copiativa che viene data agli elettori al seggio. Inoltre non sono valide le schede dove non siano state rispettate le regole di voto, come quelle dove si è votato per più di un candidato uninominale, o per più di una lista plurinominale. Annullate, quindi, anche quelle con voto disgiunto.

Il voto dei fuori sede

Una questione a parte è quella degli elettori fuorisede. Circa 4,9 milioni di italiani, secondo le stime Istat, vivendo fuori dal loro Comune di residenza, sono considerati “fuorisede” e dovrebbero viaggiare per tornare a casa e votare alle elezioni politiche. La legge italiana prevede infatti che il diritto di voto, per chi vive all’interno dei confini nazionali, vada esercitato solo nel Comune di residenza. Qualche deroga al principio del voto nel Comune di residenza è prevista dall’ordinamento, ma si limita a specifiche categorie di popolazione, come ad esempio i militari, le forze dell’ordine e chi è ricoverato in ospedale. Per chi deve tornare al proprio seggio con il trasporto pubblico (treni, aerei e traghetti) sono previsti sconti sui biglietti.

Il voto degli italiani all’estero

I cittadini italiani residenti all’estero, iscritti nelle specifiche liste elettorali, votano invece per corrispondenza ed eleggono 8 deputati e 4 sentori con sistema proporzionale, come prevede l’articolo 48 della Costituzione. Occorre essere iscritti all’elenco Aire (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) oppure essere residenti in un Paese straniero da almeno tre mesi per motivi di studio, lavoro o salute e aver fatto apposita richiesta al comune italiano di residenza, entro il 24 agosto. Le schede arrivano al domicilio e, una volta compilate, vengono spedite al più vicino consolato. Sono valide solo quelle che vengono ricevute dal Consolato entro le ore 16 del 22 settembre. Le schede vengono poi inviate in Italia e lo spoglio avviene Castelnuovo di Porto (Roma), nel Centro Polifunzionale della Protezione Civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *