17 Giugno 2024

Rubrica “Il Taccuino di Baudelaire” di Giovanni Farzati


Tablet desk
by Larja

Ab illo tempore, aggiungiamo in cielo, terra e in ogni luogo
Iscrizioni elettorali all’interno di una casa emergono dagli ultimi scavi nell’area centrale dell’antica Pompei,
 come riportato nella rivista scientifica on-line del Parco archeologico di Pompei, l’ E-Journal degli Scavi di Pompei. E si scopre che già allora c’era il voto di scambio.

Non solo gli scavi hanno anche rivelato l’ultimo sacrificio sull’altare domestico avvenuto probabilmente prima dell’eruzione.
    Normalmente, queste scritte si trovano sulle facciate esterne degli edifici, dove il popolo poteva leggere i nomi dei candidati alle magistrature della città. (Ansa)



🚩La lettera

W la Via Silente, W il Cilento, W i Cilentani !


Via Silente 2023, tappa 7.

Tappa che tappa non è…ma più uno spostamento per tornare al Kmzero e quartier generale della Via Silente, anche se un paio di discreti strappi non sono mancati.
L’anello del tour si chiude quindi a Vatolla, dove era iniziato esattamente una settimana fa.
L’organizzazione si conferma, nuovamente, impeccabile e gentilissima. Vuole sapere ogni dettaglio del viaggio. Sensazioni, emozioni, critiche e suggerimenti. Durante questa chiacchierata, un gruppo di Irlandesi si sta preparando per iniziare il tour.  Hai capito sta Via Silente?  Mica si scherza !!!  

Il Cilento è stato davvero una scoperta. In questo posto meraviglioso si passa dal mare alla montagna e dalla montagna al mare nel giro di niente. Panorami mozzafiato a ripetizione, mai scontati e mai uguali tra loro.
Qui il tempo passa lentamente, a tratti si ferma. Come se volesse permetterti di godere più a fondo qualcosa che non ritenevi potesse esistere più. Potrebbe non sembrare una vacanza, effettivamente si suda, ci si fa un bel mazzo e le comodità sono poche, ma sono questi i veri stacchi dal lavoro e dalla quotidiana vita frenetica. Suona strano ma…ci si rilassa faticando.

A concludere il tutto, viene consegnato l’attestato di percorrenza. Saluti finali.
In pochi minuti sui pedali si raggiunge la stazione ferroviaria di Vallo della Lucania e si prende il treno, bici al seguito, per Salerno. L’ultimo bucato e riposino prima di una visita nel sorprendente (davvero) centro storico della città e, per concludere, un’ottima cena con la scoperta di un piatto locale da leccarsi i baffi , Ziti alla genovese di tonno, assolutamente da replicare a casa alla prima occasione.

Numeri finali:

-Km totali: 568.29
-Dislivello +: 10014 Mt.
-Tempo in movimento: 46:57:10
-Velocità media: 12.1 Km/h
-Velocità max raggiunta: 64.8 Km/h
(fonte: Strava).

-Forature: Zero (incredibile)
-Cadute: Zero
-Meteo avverso: Zero
-Affidabilità traccia Komoot e segnaletica stradale: Quasi totale.
-Cicloturisti incrociati: 4
-Indigeni che salutano con colpo di clacson: TUTTI
-Indigeni ospitali: 99%
-Indigeni inospitali: Due coppie di cagnolini.
-Errori di percorso: 2 (colpa mia però)
-Massa grassa bruciata: Zeroooooo cazzarola si mangia troppo bene !!!

Alla prossima, that’s all folks !

🚩Perché scrivere?
È una domanda universale che non prevede una sola risposta, ma milioni, addirittura miliardi di risposte. Vi rispondiamo attraverso la conoscenza millenaria degli scrittori, raccolta in una serie di folgoranti frasi e aforismi sulla scrittura.
 Alice Figini
(Estratto da soloLibri net)


🚩Stasera vi saluto
con una famosa romanza in Mi minore meglio nota come “Giochi proibiti”.

” Uno dei brani più conosciuti”, scrive Michele  Pecora, cantante di Agropoli- per chitarra, colonna sonora del film omonimo di cui però non si conosce l’autore, brano che risale presumibilmente al XIX secolo.

🚩Riflettendo, eppure quella diga…
non si doveva fare
Il libro, il Vajont; sessanta anni dopo il disastro della diga del Vajont, “immergiti nelle memorie di un uomo che ha vissuto l’epopea della costruzione e il dolore della distruzione”.

Bortoluzzi ti guida attraverso ricordi vividi, dall’entusiasmo della creazione all’angoscia del disastro. Un racconto potente che interroga non solo i responsabili, ma tutti noi.
(Marsilio )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *