2 Marzo 2024

๐—ฉ๐—ถ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฏ๐—ฒ๐—ป๐—ฒ ๐—ถ๐—ป๐˜€๐—ถ๐—ฒ๐—บ๐—ฒ ๐—ฝ๐—ฒ๐—ฟ ๐˜ƒ๐—ถ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฒ ๐—บ๐—ฒ๐—ด๐—น๐—ถ๐—ผ. “๐—Ÿ๐—” ๐— ๐—˜๐—ฅ๐—”๐—ฉ๐—œ๐—š๐—Ÿ๐—œ๐—ข๐—ฆ๐—” ๐—ฆ๐—ง๐—ข๐—ฅ๐—œ๐—” ๐——๐—˜๐—Ÿ๐—Ÿ๐—” ๐—–๐—”๐—š๐—ก๐—˜๐—ง๐—ง๐—” ๐—Ÿ๐—”๐—œ๐—ž๐—””

0

di Rodolfo Bava

La gentile amica Amedea Enza Ruggiero, ancora una volta, pubblicando un breve video, รจ riuscita a catturare lโ€™attenzione di un nostro concittadino, trasferitosi da tempo nel Nord Italia.

Riferendosi al degrado imperante nella nostra cittร , Libero Parsifram, giร  citato in una nostra precedente nota, afferma: โ€œCara Amministrazione Comunale, osservi lโ€™esempio degli animali, la loro filosofia di vita preziosa รจ la seguente: Vivere bene insieme per vivere meglioโ€.

E Parsifran ci sottopone la storia di una cagnetta: Laika. Affermando che sarebbe meraviglioso considerare lโ€™uomo come il migliore amico del cane. Allโ€™epoca era un ragazzo ed un giorno, assieme ai compagni, trovarono nei pressi delle loro abitazioni, una cagnetta tremante, rannicchiata sotto una panchina. Era ferita. Non sapendo come agire, pregarono un signore anziano โ€“ Lino โ€“ che viveva da solo, di portarla a casa sua.

Dopo averla lavata e medicate le ferite, Lino disse ai ragazzi che la cagnetta, denominata Laika, sarebbe rimasta presso la sua abitazione ed i ragazzi sarebbero potuti andare quando volevano per far visita ed, eventualmente, portare del cibo. E, poi, Parsifran cerca di sottolineare il grande amore di Laika verso Lino, dopo alcuni mesi.

Un giorno la cagnetta, vedendo i ragazzi, li condusse nella camera da letto: sul letto giaceva in fin di vita Lino. Veramente straordinario lโ€™amore di Laika: lโ€™affannosa corsa dietro lโ€™autoambulanza che sfreccia verso lโ€™Ospedale. E, poi, la presenza costante, a morte avvenuta, presso lโ€™abitazione. Ed, infine, lโ€™accompagnamento del feretro fino al Cimitero.

โ€œDopo due giorni โ€“ afferma Parsifran โ€“ recuperammo il suo corpicino insabbiato sulla spiaggia, antistante il cimitero. Era morta affogata. Non sappiamo se per un gesto volontario dettato dalla disperazione o un incidente fortuitoโ€.

E Parsifran ci fa osservare, a conclusione della suddetta storia quanto segue: โ€œUna piccola riflessione: non puรฒ esserci umanitร  e bellezza nel mondo se lโ€™uomo pensa di essere da solo al centro dellโ€™universo, la miopia che ne deriverebbe nasconderebbe la consapevolezza di essere circondati da piccoli angeli, che non necessariamente hanno fattezza di un uomo o di una donna. Riconoscere questo errore รจ il primo passo per essere considerati umani. Un animale ha una sola missione, cercare di far star bene chi gli vuole bene, solo cosรฌ riesce ad essere feliceโ€.

E conclude cosรฌ: โ€œEโ€™ un insegnamento che tutti dovremmo osservare, stare bene insieme per vivere meglio; un esempio che dovrebbe partire da chi ha responsabilitร  nella gestione della vita pubblicaโ€.

E, da parte nostra, sottoponiamo quanto sopra alla cortese attenzione dei politici di casa nostra (locali e regionali; ma anche nazionali).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *