2 Marzo 2024

Il giusto processo: la separazione delle carriere di giudici e pubblici ministeri è riforma irrinunciabile per realizzare una effettiva imparzialità e terzietà del giudice.

«Informazione Giuridico e Culturale» a cura diPietro Cusati detto Pierino, giornalista, Consigliere – Segretario dell’Associazione Giornalisti del Vallo di Diano (SA)

L’Unione delle Camere Penali Italiane ha promosso e organizzato  una  campagna di raccolta firme per una proposta
di legge di iniziativa popolare per una riforma costituzionale che realizzasse finalmente la separazione delle carriere dei giudici e dei pubblici ministeri. E’ intendimento dell’Unione delle Camere Penali Italiane farsi promotore di una forte iniziativa di
sostegno alla realizzazione della riforma, per accompagnarne e rafforzarne l’iter parlamentare. UCPI si
propone innanzitutto di suscitare un ampio dibattito nella società sul tema della separazione delle carriere, per contribuire alla formazione di un largo, consapevole ed informato consenso popolare intorno alla concreta realizzazione di questa cruciale riforma costituzionale. In tale ambito sarà decisivo il ruolo delle singole Camere penali territoriali, alle quali è demandato il compito di promuovere la costituzione di comitati a sostegno della riforma per la separazione delle carriere nelle diverse città italiane.Sarà compito politico della Giunta UCPI coordinare e rendere armoniche e coerenti tra di loro le iniziative di costituzione di questi Comitati Locali, attraverso la creazione di un Coordinamento Nazionale, che affida alla responsabilità degli avvocati Giuseppe Belcastro e Giorgio Varano. Compito di detta struttura di coordinamento sarà -tra gli altri- quello di dotarsi di un Sito internet, destinato a raccogliere tutte le informazioni relative sia alla costituzione che alle concrete iniziative dei Comitati Locali, e ad organizzare ed ottimizzare -quando la Giunta, sentito il Consiglio delle Camere Penali,valuterà essere utile ed opportuna- una raccolta di firme di cittadini sottoscrittori di un appello a
sostegno dell’iter parlamentare della proposta di legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *