22 Giugno 2024

dal web – di Pino Campidoglio

La Prima volta della destra al Governo!.
La Prima volta di una donna, Presidente del Consiglio!
La Prima volta che Berlusconi “ci prova” ma “non la spunta” (almeno per ora……..)
La Prima volta, etc. etc. …… però adesso basta!!

Anche perché non è la Prima volta che uno promette e poi non mantiene……
Tirando le somme, per esempio, dobbiamo dire che tutta la vicenda, che ha portato alla formazione del nuovo Governo,
si è rivelata, un “vero Papocchio”.
Papocchio , è un termine che il dizionario Colletti, definisce «colla di farina» ed , in senso figurato , «frottola per ingannare qualcuno».
Perché è un “Papocchio”?
Perché, diversamente da ciò che si era detto ( ci ricordiamo ?) :
“ stiamo lavorando ad un “Governo dei migliori”, di “alto Profilo”; costituito da Politici e soprattutto Tecnici, con le competenze necessarie per far fronte ai problemi del Paese;
e invece, ci siamo ritrovati, con personaggi, riciclati da vecchi partiti, qualcuno già in disarmo, tutti o quasi, privi delle competenze necessarie per fronteggiare le sfide della crisi.
Almeno la metà dei nuovi Ministri (compresa la Meloni), sono stati riciclati dall’ultimo Governo Berlusconi (2008) , quello, per intenderci ,che portò il l’Italia al dissesto finanziario, evitato in extremis con le dimissioni di Berlusconi e la nomina di Monti.

Molti di questi signori (senza fare nomi) sono approdati alla politica per “grazia e volontà” del Cavaliere,
ed a Lui risponderanno anche se ora vestono i panni di un altro Partito;
Altri, provengono da Alleanza Nazionale, poi divenuto Partito della Libertà,
(per intenderci il Partito che fecero Berlusconi e Fini pensando che, prima o poi, l’uno avrebbe fagocitato l’altro);
ed infine, altri ancora, che per tenersi in forma, fanno l’andirivieni, fra un Partito e l’altro, spinti da un vento che cambia continuamente direzione.
Se questo è il “meglio”, che possa offrire la destra italiana, mettiamoci l’animo in pace e prepariamoci a trascorrere un lungo periodo sabbatico: Altro che Governo di Alto profilo,…….
Lo dico non solo perché la lista dei Ministri sia povera di risorse umane, ma perché le risse scoppiate alla vigilia delle votazioni in Aula, e quelle che son seguite, poi, nella trattativa per i Ministeri, hanno portato alla luce profonde divisioni che solcano i rapporti interni alla coalizione; divisioni, che sono politiche ma, sono soprattutto divisioni personali, che hanno generato scontri, risse e minacce, prima con giudizi liquidatori carpiti dai fotografi a Berlusconi contro la Meloni, e poi per gli audio contro Zelensky, divulgati a sua insaputa (per chi gli crede!!!!!).
La sensazione che si ricava, è che l’esito della contesa sia stato solo rinviato.

Nessuno s’illuda, che Berlusconi abbia accettato di farsi da parte, lasciando campo libero alla “signora” ,che si è permessa di dirgli che “Lei non è ricattabile”, mentre, è sottinteso, che Lui …………
Nessuno s’illuda, che il messaggio trasversale inviato alla “signora”, a proposito del rapporto di lavoro che il suo compagno, intrattiene sempre con Lui, all’interno del Gruppo Mediaset, sia stato fatto cadere così solo per caso;
Nessuno s’illuda che il suo rapporto di amicizia con Putin possa essere derubricato a mèro fatto sentimentale, senza che ci siano riserve e condizionamenti sulle posizioni che il Governo potrà assumere sulla politica di appoggio a Zelensky.
E, per ultimo, aggiungo che, all’eccessivo VOCIARE di BERLUSCONI, si contrappone l’assordante SILENZIO di SALVINI , che lascia supporre la classica manovra a tenaglia, che, al momento giusto, dovrà, fermare la signora, spintasi molto oltre il confine di sua pertinenza.
Ecco perché non credo che il Governo della Meloni, potrà reggere l’urto degli eventi.
Ed a fermare il Governo, non sarà il fronte delle opposizioni, che si muove da troppo tempo in ordine sparso, ma sarà il “fuoco amico”.
Se, a a breve, questo dovesse accadere , teniamo presente che non sarebbe motivo di scandalo, visto quello che sta accadendo in Gran Bretagna, dove la Prima Ministra Liz Truss,(anche Lei del Partito Conservatore) ha rassegnato le dimissioni dopo solo 44 giorni di Governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *