30 Maggio 2024

www.occhionotizie.it

Protezione civile: “situazione di potenziale disequilibrio del vulcano, la popolazione si tenga informata”

L’eruzione dello Stromboli di oggi, 9 ottobre, ha destato molta preoccupazione. Nella mattinata è iniziata infatti, accompagnata da denso fumo, un’imponente colata lavica, che ha raggiunto il mare, sollevando intense nubi di vapore. L’inizio della fase effusiva ha provocato il crollo parziale della terrazza craterica.

Eruzione dello Stromboli, livello di allerta alzato ad arancione

Il Dipartimento della Protezione Civile ha disposto il passaggio di allerta per il vulcano Stromboli dal livello giallo ad arancione, “alla luce delle valutazioni emerse durante la riunione odierna con i Centri di competenza e il Dipartimento della Protezione Civile della Regione Siciliana”.

L’innalzamento dell’allerta determina il potenziamento del sistema di monitoraggio del vulcano e del raccordo informativo tra la comunità scientifica e le altre componenti e strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile.

Persiste, spiega il Dipartimento, “una situazione di potenziale disequilibrio del vulcano. Si invita, pertanto, la popolazione presente sull’isola a tenersi informata e ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dalle autorità locali di protezione civile“.

Stromboli, eruzione in corso: flusso lavico sulla Sciara

La riunione, indica la Protezione civile, è stata convocata “alla luce delle attività odierne del vulcano, ovvero l’inizio di una fase eruttiva con un flusso piroclastico dall’aerea craterica Nord che ha rapidamente percorso la Sciara del Fuoco raggiungendo il mare, generando un crollo parziale della terrazza craterica seguito da un ragguardevole trabocco lavico”.

Il passaggio del livello di allerta è basato sulle segnalazioni delle fenomenologie e sulle valutazioni di pericolosità rese disponibili dall’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Osservatorio Etneo, Osservatorio Vesuviano e Sezione di Palermo), il Cnr-Irea e le Università di Firenze, Palermo, Pisa e Torino. Il Dipartimento condivide le informazioni frutto del potenziamento del monitoraggio con la struttura di protezione civile della Regione Sicilia che, soprattutto in relazione a scenari di impatto locale, “allerta le strutture territoriali di protezione civile e adotta eventuali misure in risposta alle situazioni emergenziali”.

Il sindaco

Il sindaco di Lipari, Riccardo Gullo, dopo la ripresa dell’attività vulcanica, ha diramato una ordinanza con la quale invita gli abitanti di Stromboli a non uscire di casa e a non stare accanto alle finestre. Ai residenti a Ginostra il primo cittadino ha invece chiesto di utilizzare la mascherina: il vento sta spingendo la cenere da quella parte dell’isola. “Finché la lava seguirà il corso naturale lungo la sciare del fuoco – spiega Gullo – non dovrebbero esserci rischi particolari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *