14 Luglio 2024

Bonus prima casa Regione Basilicata – a cura dello Studio Viglione Libretti & Partners

0

www.ondanews.it/

Il Bonus prima casa, promosso dalla Regione Basilicata, è finalizzato a sostenere i progetti di acquisto di immobili, ubicati nella regione stessa, a fronte di molteplici richieste pervenute da coloro che hanno da poco costituito un nucleo familiare e da coloro che hanno la necessità di individuare un’autonoma sistemazione alloggiativa.

SOGGETTI DESTINATARI

Il Bonus prima casa in Basilicata è un contributo destinato a:

  • coppie, ossia nuclei familiari costituiti da coniugi o da conviventi more uxorio;
  • famiglie monoparentali, ovvero nuclei familiari composti da un solo genitore (vedovi, separati, celibi o nubili, divorziati) e da uno o più figli. Si considerano separati coloro che sono in possesso di sentenza o di provvedimento di omologa della separazione emessi in data anteriore a quella di pubblicazione dell’avviso;
  • single, cioè nucleo familiare composto da una sola persona (celibe o nubile, vedovo, separato o divorziato);
  • figli a carico, ossia figlio maggiorenne ancora presente anagraficamente nel nucleo della famiglia d’origine, anche se precettore di reddito autonomo.

REQUISITI SOGGETTIVI DEL RICHIEDENTE

  • maggiore età;
  • cittadinanza italiana o di Stati appartenenti all’Unione europea regolarmente soggiornanti in Italia e loro familiari;
  • stranieri titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • stranieri di cui all’art. 41 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero);
  • non aver mai usufruito di altri contributi pubblici, in qualunque forma concessi dallo Stato, dalla Regione o altro Ente pubblico, per l’acquisto di una casa.

Se a presentare la richiesta del contributo sono cittadini non residenti in Basilicata, i richiedenti, in caso di ammissione al contributo, assumono l’obbligo di trasferire la residenza e di conservarla presso l’immobile acquistato per il periodo di 5 anni.

CASI DI ESCLUSIONE

Per le coppie, le famiglie monoparentali e i single viene inoltre richiesto che vi sia la non titolarità del diritto di proprietà, comproprietà, nuda proprietà, usufrutto o quote parti di essi, ovunque ubicati sul territorio nazionale, con le seguenti eccezioni:

  • se trattasi di immobili dichiarati inagibili o sottoposti a procedure di esproprio che risultino già attivate alla data di presentazione della domanda;
  • se trattasi di quote di proprietà, inferiori al 100%, di immobili ricevuti per successione ereditaria, purché la somma delle rispettive quote non corrisponda all’intera unità immobiliare;
  • se trattasi di nuda proprietà di immobili il cui usufrutto è in capo a parenti o affini entro il secondo grado;
  • se trattasi di comproprietà o proprietario esclusivo della sola casa coniugale che, in sede di separazione dei coniugi o di scioglimento degli effetti civili del matrimonio, è stata assegnata al coniuge o all’ex coniuge e non è nella disponibilità del richiedente.

FORMA DEL CONTRIBUTO

Il contributo corrisponde al 30% del costo dell’immobile indicato nel contratto di acquisto ivi comprese le eventuali pertinenze fino ad un massimo di:

  • 30.000 euro per le coppie e per le famiglie monoparentali;
  • 40.000 euro per le coppie e per le famiglie monoparentali e per immobili acquistati ricompresi nel centro storico dei comuni (zona A del P.R.G.) o nelle aree soggette a piani di recupero urbano comunque denominati;
  • 20.000 euro per le categorie single e per i figli a carico;
  • 30.000 euro per le categorie single e per i figli a carico se l’immobile acquistato è ricompreso nel centro storico dei comuni (zona A del P.R.G.) o nelle aree soggette a piani di recupero urbano comunque denominati.

REQUISITI DELL’IMMOBILE

Il bonus è utilizzabile solo per gli immobili da acquistare e gli immobili acquistati a far data dal 1° giugno 2022 che rispecchino le seguenti caratteristiche:

  • devono essere ubicati in Basilicata;
  • devono essere accatastati al NCEU nelle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7;
  • devono essere dotati di certificato di agibilità o, se in costruzione o da ristrutturare, deve essere presentata la dichiarazione ad eseguire i lavori nel rispetto delle norme per ottenere la futura agibilità;
  • non devono essere di proprietà di ascendenti entro il secondo grado del richiedente;
  • non devono essere di proprietà di operatori (imprese, Cooperative) che hanno beneficiato di contributo pubblico per la realizzazione degli stessi;
  • non devono essere immobili di edilizia residenziale pubblica inseriti nei piani di vendita per cui il bonus vuole essere utilizzato dagli affittuari.

TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda deve essere presentata entro il 5 novembre 2022 tramite procedura online disponibile nella sezione “Avvisi e Bandi” del sito della Regione Basilicata, accessibile tramite SPID o Carta Nazionale dei Servizi per i residenti in Basilicata. Le istanze dovranno essere firmate digitalmente e, a pena di inammissibilità, bisogna indicare la categoria dei soggetti per la quale si partecipa all’avviso. CLICCA QUI per accedere al sito della Regione Basilicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *