15 Luglio 2024

Politica, è morto Gianfranco Spadaccia leader storico del Partito radicale

0

di Francesco Sampogna

L’annuncio di Radio radicale. Il cordoglio di Emma Bonino, Angelo Bonelli e Francesco Rutelli

Ha dedicato la sua vita al Partito radicale Gianfranco Spadaccia, scomparso oggi a Roma all’età di 87 anni.

E’ sempre stato in prima fila insieme a Marco Pannella nel combattere le grandi battaglie radicali: dal divorzio all’aborto, dall’obiezione di coscienza alla riforma del diritto di famiglia sino alla depenalizzazione del reato di consumo di stupefacenti.

Emma Bonino lo ricorda così:

“Per me è stato come un fratello più grande e credo sia stato così per molti altri radicali. La sua morte è una grande perdita per me e il Paese tutto. Ciao Gianfranco”.

Gianfranco Spadaccia è stato segretario del partito dal 1967 al 1968 e dal 1974 al 1976, oltre che deputato per due legislature e senatore per altre due.

E’ la stessa Emma Bonino a ricordare anche quando Spadaccia venne arrestato, come segretario del Partito Radicale, insieme a lei stessa e ad Adele Faccio. Un gesto che, osserva, “spianò la strada alla depenalizzazione del reato di aborto e alla legge 194. Gianfranco – conclude Bonino – ha speso la sua vita nell’impegno politico, fino ad essere, più di recente, il primo Presidente di Più Europa”.

Anche Francesco Rutelli ha voluto ricordarlo: “è stato un simbolo della storia del Partito Radicale e del riformismo italiano. La sua è un’eredità di libertà, battaglie, e responsabilità”.

Così pure i co-portavoce e il presidente del Consiglio federale nazionale di Europa Verde Angelo Bonelli, Eleonora Evi e Marco Boato lo ricordano, osservando che “l’Italia perde un uomo politico che ha sempre goduto di grande stima e che lascia un segno profondo nella nostra storia civile e democratica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *