29 Febbraio 2024

La Provincia di Salerno, dopo due anni, non ha ancora iniziati i lavori per il ponte Tanagro a Caiazzano di Padula

0

di Pietro Cusati detto Pierino

Il Ponte Tanagro in località Caiazzano di Padula Scalo , tra Sassano e la città della Certosa di San Lorenzo, è stato chiuso al traffico dalla Provincia di Salerno il 29 ottobre 2021, per  problemi strutturali . Dopo due anni non sono ancora iniziati i lavori

 necessari per la messa in sicurezza del ponte Tanagro . La chiusura del  ponte Tanagro,in località Caiazzano di Padula Scalo collega la città della Certosa con il Vallo di Diano, la  mancanza di un idoneo e  adeguato percorso alternativo,crea gravissimi disagi alla circolazione stradale e gravi danni  alle popolazioni interessate del Comuni limitrofi  del Vallo di Diano e non solo. Il 29 ottobre 2021  la Provincia di Salerno pubblicò l’ordinanza di chiusura al transito del ponte che si trova lungo la strada provinciale 51 all’altezza del km 3.900.Il provvedimento firmato dal dirigente del Settore Viabilità e Trasporti della Provincia, spiegava che  «la necessità di interdire il transito dei veicoli sul ponte Tanagro si è resa necessaria in seguito a una verifica da parte dell’Ufficio tecnico provinciale nel corso del quale è stato rilevato il cedimento di un pilastro centrale. Il percorso alternativo per entrambi i sensi di marcia è stato individuato lungo la strada Provinciale 11 e la Statale 19».A due anni dalla sua chiusura,il  “Ponte Tanagro”,in località Caiazzano di Padula,  sta diventando il  “simbolo del degrado istituzionale della burocrazia   nella  esecuzione di lavori pubblici” .A quando la possibilità che  venga ripristinata l’agibilità? La chiusura del ponte Tanagro  sta producendo gravissimi danni ed enormi disagi   ai cittadini ,agli studenti, all’economia agricola,sociale e imprenditoriale del Vallo di Diano e non solo, 175 giorni dalla posa della prima pietra avvenuta il  25 luglio 2023 , purtroppo ad oggi sono già passati 90 giorni e non si sa ancora  quando inizieranno i lavori ? E’ una vergogna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *