26 Febbraio 2024

Morigerati, le origini del culto di San Demetrio martire

0

di Antonella Casaburi

Il 26 ottobre si celebra San Demetrio di Tessalonica, il santo e martire orientale patrono di Morigerati. Borgo cilentano di origini antiche, Morigerati intorno all’ VIII secolo fu eletto a dimora da un gruppo di monaci basiliani in fuga dalle persecuzioni iconoclaste volute da Leone III Isaurico . In questo luogo i monaci greci trovarono la tranquillità e la serenità adatte alla contemplazione della sacra icona di San Demetrio, che avevano portato con loro dalla Grecia.

A Morigerati sorge la Chiesa parrocchiale dedicata a San Demetrio, il martire del IV secolo tra i più venerati in Oriente. La Chiesa parrocchiale di San Demetrio, divenuta in seguito un santuario, ha origini antiche: fu costruita nel 1300 sui resti di un tempio romano, di cui conserva i volumi originari. La cupola, di forma orientaleggiante, e il campanile basiliano, sono chiaro omaggio al Santo orientale a cui è dedicata. In questo sacro luogo di culto, prima parrocchia e in seguito santuario dedicata a San Demetrio, è anche custodita la preziosa icona di San Demetrio che nell’ VIII secolo i monaci basiliani avevano portato con loro dall’Oriente. A Morigerati la devozione e il legame col Santo orientale è così antica e radicata che la leggenda vuole che sia stato San Demetrio a scegliere di essere il patrono di Morigerati: si narra infatti che intorno alla seconda metà del 1300 la statua del Santo, che riportava un’antica iscrizione in greco, sia stata ritrovata in una cassa arenatasi sulla spiaggia di Villammare. Per tutti gli altri troppo pesante da trasportare, fu sollevata come piuma da alcuni pastori di Morigerati. Da questo evento la leggenda racconta che sia stato San Demetrio a scegliere il paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *