27 Febbraio 2024

Lettera alla rubrica”LaVOCEallaGENTE” LA DENUNCIA DEL LIBERO PENSATORE dell’Avv. Alberto Appeddu

0

Mentre sui social e negli organi di stampa imperversa, quasi non ci fossero altri problemi, la fine della storia tra la premier Meloni ed il compagno Andrea Giambruno, milioni di famiglie non hanno più i denari per comprare i generi di prima necessità.
Pesce, frutta e verdura sono diventate un lusso e vanno sempre più di moda quei prodotti scontati o in offerta, naturalmente, nelle grosse catene della grande distribuzione organizzata, perché…. il piccolo commerciante lo sconto e l’offerta non se lo può proprio permettere!
Abbigliamento e scarpe….solo quando ci sono i saldi!
E mentre gli anziani devono scegliere se mangiare o curarsi, cresce in maniera esponenziale il numero dei sovraindebitati.
Con la scusa di guerre pilotate, cresce a dismisura il costo dei carburanti e con questo quello delle utenze elettriche e del gas, con conseguente aumento dei prezzi al consumo.
Davanti a questo dramma, è possibile che per gli organi di informazione sia centrale la fine della storia tra la premier ed il suo compagno?
Le Partite IVA falliscono, aumenta a dismisura la povertà, nei Tribunali italiani milioni di sovraindebitati perdono la loro casa sull’altare della speculazione bancaria ed il problema è la fine della love story tra la premier ed il suo compagno?
Certo, politici di qualunque colore, organi di stampa che tacciono, banche, multinazionali, social e informazione digitalizzata, ovvero il c.d SISTEMA, sono colpevoli di questo sfascio, che, ben presto, si trasformerà in un drammatico problema sociale, ma, anche tu, caro lettore, sei colpevole!
Uscire da questa situazione di oligarchia è possibile!
Basta che noi, chiamati da loro, massa, senza emozioni e pensiero, ci uniamo e ricominciamo a pensare tutti insieme, sul presupposto che un popolo unito in un grande pensiero è capace di cacciare pochi oligarchi, che pensano solo al loro ego ed alle loro tasche.

Avv. Alberto Appeddu (Libero pensatore sardo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *