20 Febbraio 2024

Onu, il mondo si prepari a ondate di caldo sempre più intense

0

di Francesco Sampogna

Paesi emisfero settentrionale colpiti da impennata temperature.

Il mondo deve prepararsi ad affrontare ondate di calore sempre più intense, hanno avvertito le Nazioni Unite, mentre i Paesi dell’emisfero settentrionale sono stati colpiti da un’impennata delle temperature. “Questi eventi continueranno a crescere di intensità e il mondo deve prepararsi ad affrontare ondate di calore più intense”, ha dichiarato ai giornalisti a Ginevra John Nairn, consulente senior per il caldo estremo presso l’Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite. Il fenomeno El Niño, che si è manifestato di recente, non farà altro che amplificare il verificarsi e l’intensità delle ondate di calore estreme”, ha dichiarato John Nairn. In Nord America, Asia, Nord Africa e nel bacino del Mediterraneo, le temperature supereranno i 40°C per diversi giorni questa settimana, con l’intensificarsi dell’ondata di calore.

   “Uno dei fenomeni notevoli che abbiamo osservato è che il numero di ondate di calore simultanee nell’emisfero settentrionale è aumentato di sei volte dagli anni Ottanta. Questa tendenza non accenna a diminuire”, ha osservato Nairn. “Temo quindi che non siamo ancora fuori pericolo e che queste ondate avranno gravi ripercussioni sulla salute umana e sui mezzi di sussistenza”, ha aggiunto. 

   Secondo gli esperti, i gas serra che intrappolano il calore sono la causa del cambiamento climatico. Gas come l’anidride carbonica, il metano e il protossido di azoto svolgono un ruolo cruciale nell’impedire che una parte dei raggi solari venga riflessa nello spazio. Quando questo ciclo è equilibrato, mantiene il pianeta a una temperatura vivibile. Ma un aumento insostenibile della quantità di gas a effetto serra nell’atmosfera significa che più calore viene intrappolato, creando non solo il riscaldamento globale ma anche altre anomalie climatiche. Nel caso delle ondate di calore, il cambiamento climatico ne sta aumentando la durata, l’intensità e anche la portata geografica, sostengono gli scienziati. Fonte ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *