30 Maggio 2024

Garantire sviluppo e crescita di un territorio. Lettera alla rubrica: “LaVoceallaGente” di La Voce del Meridione.

0

Con la lettera inviataci dal Giornalista Pasquale Scaldaferri, diamo inizio ad una nuova rubrica del giornale online La Voce del Meridione. Nata anche questa dall’esigenza di dare la possibilità alla gente di segnalare. comunicare e esprimere le proprie posizioni, a tutela dell’interesse collettivo e del territorio, solo ed esclusivamente nel rispetto delle Libertà e della Legalità.

per info e comunicazioni: lavocedelmeridione@gmail.com oppure WhatsApp 328 196 90 41

Caro direttore, nel condividere, sottoscrivere e, se possibile, corroborare la netta e inequivoca presa di posizione del Coordinamento Nazionale Mare Libero, esprimo vicinanza e supremo apprezzamento, persuaso che soltanto con unità di intenti, chiarezza delle idee e progetti di grande respiro, si potrà garantire sviluppo e crescita di un territorio.
A Sapri la miopia politico-amministrativa che ha prodotto disastri in serie, provocando la retrocessione inappellabile della fu capitale del golfo di Policastro in una categoria tutt’altro che edificante sotto il profilo turistico-commerciale, oggi aggiunge un’altra perla alla sciatteria programmatica che ne ha contraddistinto l’operato gestionale.

Al depauperamento del settore merceologico, alla sequela di negozi inesorabilmente chiusi per cessata attività, saracinesche abbassate per la ferale e definitiva chiusura, cancellazione di eventi di promozione internazionale (“Sapri Anni Sessanta” docet), nel 2023 si aggiunge questo ignobile e vergognoso provvedimento di privatizzazione della spiaggia. Un’offesa al popolo sovrano, doppiamente penalizzato, alla luce dell’esigua lingua di arenile della baia saprese. Ma soprattutto un atto di protervia da chi dovrebbe garantire e preservare pari opportunità, senza distinzioni di classe e discriminazioni di alcun genere.
Il sindaco pro tempore di Sapri, abbia il coraggio di cambiare idea e posizione. L’intelligenza, anche in politica, si misura quando si ha la forza di mutare le proprie scelte. Soltanto i princìpi restano immutabili. E anche l’opposizione della fu capitale del golfo di Policastro, sia più temeraria e superi senza tentennamenti o incomprensibili timidezze ostacoli e barriere, provando ad instillare maggiore risolutezza alla sua azione di controllo e vigilanza nel parlamentino cittadino. Unica via percorribile per ripristinare decoro, senso civico e legalità, abbattendo il muro reticente e omertoso della pubblica amministrazione.
Con rinnovata stima
Pasquale Scaldaferri Giornalista – Coordinamento Organizzativo Rai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *