27 Febbraio 2024

Presentato alla “Torquato Tasso” di Sala Consilina il nuovo libro di Antonello Sica Il testamento nascosto

0

di Giovanna De Luca

È stato presentato ieri nell’aula conferenze della Società Operaia Torquato Tasso di Sala Consilina Il testamento nascosto. La Ballata di don Giuseppe De Luca riletta come un giallo, il nuovo libro di Antonello Sica.

Ad aprire l’incontro sono stati i saluti del presidente della Torquato Tasso, Michele Calandriello, e i saluti istituzionali del sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone. È seguito l’intervento dello scrittore Emilio Sarli che ha introdotto ai presenti l’autore, scrittore, socio accademico del Gruppo Italiano Scrittori di Montagna e ideatore della rete di sentieri escursionistici dedicati al beato Pier Giorgio Frassati, e la figura di don Giuseppe De Luca. Il sacerdote lucano, nato a Sasso di Castalda nel 1898, è stato un editore e saggista, molto attivo nell’ambiente sia politico che intellettuale della prima metà del Novecento nonché strettissimo amico di papa Roncalli. Nonostante la sua vicinanza al Vaticano, don De Luca ha sempre dimostrato un forte legame con la sua terra d’origine, ricordata in maniera nostalgica anche nella stessa opera Ballata alla Madonna di Czestochowa ripresa da Sica per la stesura del suo saggio.

Nel suo intervento l’autore ha dato la sua chiave di lettura della Ballata intendendola come il testo in cui don Giuseppe De Luca abbia voluto nascondere il proprio testamento spirituale. Da qui la rilettura “come un giallo” dell’opera. Sica aveva già fatto di questa tesi l’oggetto di un suo precedente saggio pubblicato circa vent’anni fa sulla rivista Silarus, poi ripreso lo scorso anno e confluito nel Testamento nascosto. La prefazione al libro è opera del giornalista e saggista Marco Roncalli, pronipote del pontefice.

Al termine dell’evento l’autore ha voluto donare al sodalizio, al sindaco e a Sarli un annullo filatelico dedicato dalle Poste a Domenico Alfeno Vario, giurista settecentesco di Sala Consilina, su un francobollo che ricorda la famiglia Tasso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *