26 Febbraio 2024

Il paradigma fenomenologico e neopositivista

0

inviato da Pasquale Martucci di Ricocrea

Pubblico un interessante intervento di Carmen De Luccia su alcuni aspetti epistemologici alla base del rapporto insegnamento-apprendimento.


L’approccio fenomenologico si basa sullo studio delle esperienze di vita e riguardanti un evento, dal punto di vista del soggetto. Questo concetto considera l’analisi degli aspetti più complessi della vita umana, di ciò che va oltre gli aspetti quantificabili. “E’ un paradigma che cerca di spiegare la natura delle cose, l’essenza e la veridicità dei fenomeni” (Husserl, “Idee per una fenomenologia pura e per una filosofia fenomenologica”, 1900).

L’obiettivo è comprendere la complessità delle esperienze vissute. Questa comprensione è a sua volta finalizzata alla sensibilizzazione e alla ricerca dei significati che circondano il fenomeno. Per condurre una ricerca secondo questo approccio, è indispensabile conoscere i principi della fenomenologia e i meccanismi per la ricerca dei significati. Conoscere le esperienze attraverso storie e aneddoti è fondamentale perché ci permette di comprendere la natura delle dinamiche di contesto e persino di trasformarla. Aguirre e Jaramillo (2012) hanno descritto la fenomenologia come una disciplina filosofica mentre nonostante Husserl ne abbia parlato poco, alcuni suoi studenti stabilirono importanti rapporti tra la disciplina fenomenologica e alcune scienze sociali. In riferimento allo studio dei fatti sociali, è necessario concepire la realtà come una dinamica di fattori e agenti che integrano una totalità organizzata, interattiva e sistemica, il cui studio richiede la comprensione di quella struttura dinamica interna che la definisce, richiedendo l’uso di una metodologia qualitativa-strutturale come ha sottolineato Martinez (1994). In generale, i diversi aspetti del campo educativo sono stati assunti da tre razionalità scientifiche: analiticoempirico, teorico-critico ed ermeneutico-fenomenologico. L’ultimo mira a studiare quegli aspetti che diffondono ciò che è “oggettivabile”, che, nel campo dell’educazione, sono numerosi. La fenomenologia ha origine dalla parola “fenomeno” in greco che significa “qualcosa che si mostra e manifesta che può diventare visibile da sé”. Secondo Patton, questo approccio si concentra su come gli individui comprendono i significati delle esperienze vissute: si pone come opposizione al naturalismo, poiché osserva l’individuo e sradica tutta l’intenzionalità e l’intuizione dell’osservatore. In tanti hanno considerato la fenomenologia come una critica alla scienza riguardo al metodo di lavoro, che è basato su quantità misurabili e fatti quantificabili, ma non presenta senza consapevolezza di ciò che si sta facendo. D’altra parte, Heidegger sosteneva che “la fenomenologia pone l’accento sulla scienza dei fenomeni. Questa si basa sul percepire ciò che si mostra, come si mostra e quanto si mostra. Di conseguenza, è un fenomeno oggettivo, quindi è vero e scientifico allo stesso tempo”. La fenomenologia mira a compiere un’indagine esaustiva e a raggiungere la radice, cioè il campo in cui si materializza l’esperienza. In altre parole, questo metodo esplora la coscienza della persona e mira a comprendere il modo di percepire la vita attraverso le esperienze, con i conseguenti significati, che si definiscono nella vita psichica dell’individuo. In sintesi, la fenomenologia porta a trovare il rapporto tra oggettività e soggettività, che è presente in ogni istante dell’esperienza umana. La trascendenza non si riduce al semplice fatto di conoscere le storie o gli oggetti fisici; al contrario, cerca di comprendere queste storie dal punto di vista dei valori, delle norme e delle pratiche in generale, come ha sottolineato Rizo-Pattern (2015).

D’altra parte, il termine “ermeneutica” deriva dal verbo greco “hermeneuein” che significa “interpretare”. Dilthey, principale esponente del metodo, lo definisce come il processo che permette di svelare i significati delle cose che si trovano nella coscienza della persona e di interpretarli attraverso la parola. Afferma inoltre che i testi scritti, gli atteggiamenti, le azioni e tutti i tipi di espressione della persona ci portano a scoprire i significati. Tenendo tutto ciò a mente, ora vedremo come tale metodo si approccia al campo della pedagogia. La parola pedagogia deriva dal greco “paidos” che significa “bambino” e “agein” che significa “guidare, condurre”. Pertanto, questa si basa su azioni, procedure e metodi per la soluzione dei problemi esistenti nel rapporto insegnamento-apprendimento.

Le esperienze, raccolte dalla fenomenologia ermeneutica e poi tradotte in descrizioni, saranno efficaci per analizzare gli  aspetti pedagogici in cui l’educatore deve essere attentamente interessato agli eventi che accadono in classe e ottimizzare la pratica pedagogica. In questo senso, la fenomenologia nasce dalla realtà educativa. Descrive ciò che è essenziale dell’esperienza esterna e interna (analisi della coscienza). Infatti, Fermoso (1989) definiva la fenomenologia come la ricerca gli aspetti invarianti della realtà che quindi portano a generalizzare e a scoprire l’essenza dell’educazione sociale. Riflettere sulla pedagogia porta alla consapevolezza dei metodi, delle tecniche utilizzate e delle difficoltà mostrate nel processo di insegnamento-apprendimento. Inoltre, rimanda gli educatori sulla loro pratica, evitando l’improvvisazione e impegnandoli ad essere un esempio e una guida per lo studente. Pertanto, è fondamentale che l’insegnante accetti l’importanza del metodo fenomenologico, perché porta a riflettere profondamente sulle esperienze quotidiane e a trovarne un significato nel modo unico che appartiene a ogni individuo, risalendo nella sua essenza. La pratica pedagogica diventa quasi trascendentale perché la sfera educativa ruota attorno alla dimensione soggettiva degli agenti che ne fanno parte, la cui comprensione dei sensi e dei significati è fondamentale, poiché in tal modo può essere conosciuta, riprodotta e, se necessario, trasformata.

Il post-positivismo, come descrive Willis (2007), è una “forma più lieve di positivismo” che ne segue gli stessi principi ma consente una maggiore interazione tra il ricercatore e i suoi partecipanti alla ricerca. Utilizza metodi aggiuntivi come sondaggi e metodi qualitativi come l’intervista o l’osservazione dei partecipanti (Creswell, 2008). Questo paradigma è praticamente il metodo scientifico modificato per le scienze sociali. Mira a produrre risultati oggettivi e generalizzabili su vari modelli sociali, cercando di affermare la presenza di leggi universali nelle relazioni tra variabili predefinite. Questa epistemologia si manifesta con progetti di ricerca quasi sperimentali che utilizzano il trattamento, le misure adottate e le unità sperimentali, ma non utilizza criteri per creare un confronto con il cambiamento che è stato provocato dal trattamento. Il neopositivista crede che tutte le osservazioni siano cariche di teoria e che gli scienziati siano intrinsecamente influenzati dalle loro esperienze culturali, visioni del mondo e così via. Tuttavia il fatto che ognuno abbia la propria visione del mondo basata sulla sua esperienza non significa che non si possa tradurre le esperienze degli altri o capirsi a vicenda. Pertanto il post-positivismo rifiuta il relativismo dell’incommensurabilità delle diverse prospettive e l’idea che non possiamo mai capirci perché veniamo da esperienze e culture diverse. Nella maggior parte dei casi si tratta di costruttivisti che credono che ognuno di noi costruisca la propria visione del mondo in base alle proprie percezioni di esso. Poiché la percezione e l’osservazione sono fallibili, le nostre costruzioni devono essere imperfette. Quindi cosa si intende per “obiettività” in un mondo post-positivista?

I positivisti pensavano che l’obiettività fosse una caratteristica che risiedeva nel singolo scienziato. Gli scienziati sono responsabili di mettere da parte i loro pregiudizi e le loro convinzioni per vedere il mondo com’è “realmente”. I post-positivisti rifiutano l’idea che ogni individuo possa vedere il mondo perfettamente così com’è realmente. Siamo tutti di parte e tutte le nostre osservazioni sono influenzate (caricate di teoria). Quindi, l’oggettività non è la caratteristica di un individuo, è intrinsecamente un fenomeno sociale. È ciò che più individui stanno cercando di ottenere quando si criticano a vicenda il lavoro. Non raggiungiamo mai perfettamente l’obiettività, ma possiamo avvicinarci ad essa. Il modo migliore per migliorare l’obiettività di ciò che facciamo è farlo nel contesto di una più ampia comunità controversa di cercatori di verità che si criticano a vicenda. Le teorie che sopravvivono a un esame così intenso sono un po’ come le specie che sopravvivono nella lotta evolutiva. Il loro valore si adatta ai tempi e sono probabilmente il più vicino possibile alla nostra specie per essere oggettive e comprendere la realtà.

Pertanto, gli standard di qualità di questo paradigma sono obiettività, validità e affidabilità, che possono essere modificati con l’uso di dati, metodi e teorie. Un esempio è una ricerca universitaria effettuata presso l’Università delle Filippine sudorientali, intitolata “L’efficacia dell’approccio concettuale dell’insegnamento sui punteggi degli studenti in un test di biotecnologie”. Sono stati istituiti due gruppi, al gruppo sperimentale è stato dato un approccio didattico concettuale e al gruppo di controllo è fornito il metodo tradizionale del boardtalk. Per testare il contenuto dei risultati, è stato progettato un test realizzato dal docente. I due gruppi sono stati analizzati utilizzando alcune statistiche (cosa che spesso accade col metodo neopositivista, ma comunque concetti non pertinenti alla nostra discussione). Lo studio dimostra di come gli esiti per i due gruppi siano nettamente diversi e di come quindi l’approccio neopositivista possa influenzare il metodo d’apprendimento degli studenti.

Carmen De Luccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *