19 Aprile 2024

Rubrica «Informazione Giuridico e Culturale» a cura di Pietro Cusati detto Pierino

La riforma della geografia giudiziaria non ha dato gli esiti sperati. Occorre una profonda revisione. Lo ha detto il ministro della Giustizia, on. Carlo Nordio, rispondendo al question time alla Camera dei deputati. Un caso unico in Italia è quello del soppresso storico Tribunale di Sala Consilina (SA).

Il Guardasigilli sta affrontando la questione dei Tribunali soppressi per trovare soluzioni idonee, con la costituzione di gruppi di lavori. Il Parlamento deve intervenire con somma urgenza per riaprire il Tribunale di Sala Consilina (SA) . Dal 2013 l’emergenza giustizia e la situazione carceraria in Campania si è ulteriormente aggravata,infatti,sono passati quasi dieci anni e nulla è cambiato in positivo,tutto fermo al palo,nessun ripristino della geografia giudiziaria. L’invito è rivolto al Ministro della Giustizia Carlo Nordio e ai parlamentari presenti in Parlamento, essendo il servizio e la disciplina della Giustizia di competenza nazionale. E’ necessaria una disposizione del Parlamento, una legge parlamentare, o una delega dello stesso in favore dell’esecutivo, affinché si possa intervenire, con vari decreti legislativi, sull’attuale assetto dei Tribunali in Campania. Il caso eclatante del Tribunale di Sala Consilina (SA),nel Vallo di Diano e del Golfo di Policastro,addirittura accorpato fuori regione,in Basilicata,fuori Corte di Appello ,Fuori Provincia ,ad un Tribunale più piccolo ,quello di Lagonegro.E’ necessario il coinvolgimento della politica Nazionale ,regionale e delle amministrazioni comunali, ordine degli avvocati e anche l’associazionismo può fare la sua parte. Nel contempo è necessaria la revisione delle modalità con cui lo Stato sta ‘gestendo’ il servizio giustizia nella nostra Regione Campania e in provincia di Salerno,nella morsa della criminalità organizzata. Bisogna quindi intervenire con la massima urgenza per rivedere la presenza e la disposizione dei Tribunali e delle Carceri in Campania . La chiusura del Tribunale di Sala Consilina e del carcere di Sala Consilina ha comportato un danno incommensurabile al territorio del Vallo di Diano e del Golfo di Policastro, al suo tessuto sociale, oltre che economico. Il Governo deve intervenire al più presto per rivedere le scelte del passato. In concreto nel Vallo di Diano e nel Golfo di Policastro con la chiusura del Tribunale e del carcere. si è registrato un impoverimento in termini di servizi per le comunità e un aggravio di oneri per l’utenza. che già scontano difficoltà di collegamento, dovute ad esempio alla carenza di trasporti pubblici o di infrastrutture. Le aree interne pagano la lontananza dai grandi centri urbani in termini di distanza dai servizi. Un caso unico in Italia che richiede un intervento ancora più urgente, è quello del soppresso Tribunale di Sala Consilina (SA),lo storico Tribunale del Vallo di Diano e del Golfo di Policastro, in provincia di Salerno.E’ l’unico Tribunale in Italia ad essere stato accorpato ad un Tribunale più piccolo, sia in termini di carico di lavoro sia in termini di dipendenti, ed è l’unico Tribunale ad essere stato accorpato ad un Tribunale di un’altra regione, il Tribunale di Lagonegro (PZ) in Basilicata,privo di una casa circondariale. La conseguenza è che cittadini e operatori sono costretti a recarsi in una Regione diversa da quella di residenza e in secondo grado la competenza è della Corte d’appello di Potenza e per i detenuti a Castrovillari in Calabria.Il Sud della provincia di Salerno è penalizzato anche dalla lunghezza dei tempi biblici della giustizia civile che incide sulla capacità del Mezzogiorno di attrarre investimenti e anche sulla fiducia dei cittadini nelle istituzioni. La chiusura nel 2013 del Tribunale di Sala Consilina (SA)in Campania, ha rappresentato un caso eclatante di ingiustizia,unico in Italia.Tale ingiustizia e illegittimità ha comportato l’eliminazione di una struttura giudiziaria ospitata in una sede idonea a norma, qual era il Tribunale di Sala Consilina (SA), per dislocarla in ristretti spazi insufficienti di aule di udienze , di grave criticità ad un Tribunale più piccolo quello di Lagonegro in provincia di Potenza. Una macroscopica ingiustizia a danno dei cittadini ,degli avvocati, dei magistrati e dei dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *