30 Maggio 2024

Fermato clochard polacco sospettato del tentato omicidio di una ragazza israeliana a Roma. Era già stato denunciato a Sapri

0

Redazione

L’uomo è accusato del tentato omicidio di una ragazza israeliana avvenuto lo scorso 31 dicembre a Roma. La giovane è ancora in prognosi riservata. Grazie a due carabinieri fuori servizio, marito e moglie, è stato arrestato l’uomo accusato di aver tentato l’omicidio di una 24enne. Si tratta di Aleksander Mateusz Chomiak, che avrebbe colpito la giovane il 31 dicembre a Termini. Quando è stato individuato era su un treno diretto a Brescia. È accusato di tentato omicidio ed era ricercato su tutto il territorio nazionale. L’uomo lo scorso 16 dicembre era a Sapri dove venne denunciato per un furto in un supermercato della città della Spigolatrice dagli uomini della Polizia. Intanto la ragazza israeliana di Tel Aviv è ricoverata in ospedale, stabile ma ancora in prognosi riservata.

Esprimo la massima soddisfazione per l’immediata individuazione e successivo fermo dell’aggressore della stazione Termini. I cittadini devono vivere la consapevolezza che vi possono essere casi come questo in cui un’aggressione può avvenire in modalità insidiosa e non sempre prevedibile ma non per questo sfuggire al capillare controllo del territorio e al lavoro delle nostre forze di polizia, che non ringrazierò mai abbastanza, capaci in tempi brevi di assicurare alla giustizia gli autori di odiosi reati”. Così il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi all’Ansa. “Rafforzeremo la sicurezza all’interno della stazione Termini nel quadrante orario che va dalle 20 alle 24, ora in cui chiude la stazione – ha aggiunto il prefetto di Roma Bruno Frattasi, al termine del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza -. La fascia più critica infatti corrisponde all’orario in cui è avvenuta l’aggressione del 31 dicembre, cioè quando chiudono i negozi e c’è meno passaggio di persone”. “L’atto di aggressione del 31 dicembre sembra essere opera di un folle, e io, alla luce dei documenti che ho letto, penso che si tratti di questo“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *