26 Maggio 2024

Redazione

A Minori è caccia agli scarichi abusivi che inquinano le acque cristalline di una meta turistica della costa di Amalfi. L’Ausino spa, società che gestisce il servizio idrico integrato, con il Comune di Minori, ha pianificato attività di controllo sugli scarichi domestici sui collegamenti e le immissioni nella fogna pubblica ed eventuali immissioni di acque reflue nel torrente Reginna Minor che sfocia in mare. “Saranno effettuate verifiche a tappeto, casa per casa” ha spiegato il sindaco di Minori Andrea Reale. Si comincia da martedì 10 gennaio. E si pensa gia’ alla prossima stagione balneare.

L’iniziativa, infatti, mira alla tutela della salubrità delle acque di balneazione di Minori i cui parametri, nel periodo estivo, continuano a risultare insufficienti, proprio nei pressi della foce del Reginna Minor. Non e’ bastata la sostituzione della condotta sottomarina, la scorsa primavera, con un investimento di 1,2 milioni di euro a migliorare la qualità delle acque. Il problema, con tutta probabilità viene ricercato a monte. “Abbiamo fatto un piano con l’Ausino per la realizzare la nuova condotta sottomarina e una serie di lavori a terra sulle fogne con ulteriori e capillari verifiche, per capire se esistono irregolarità o scarichi abusivi”, spiega Reale. Poiché la finalità dell’attività da svolgere e’ la tutela della salute pubblica, “in caso di mancanza di collaborazione o di espresso divieto all’accesso, si sarà obbligati a dare segnalazione all’autorità Giudiziaria perché vi si provveda forzosamente”, recita l’avviso inoltrato dal Comune ai cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *