30 Maggio 2024

3 gennaio 1920, Napoli – 20 maggio 2001, Roma

Nato a Napoli il 3 gennaio del 1920, nella zona di piazza Mercato, Renato Carosone comincia a dimostrare sin da piccolissimo una passione per la musica, cominciando da bambino a suonare un vecchio pianoforte della madre e poi prendendo lezioni su insistenza del padre, impresario al Mercadante, storico teatro di Napoli.


A soli 17 anni, Carosone si diploma così in pianoforte al Conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli; nello stesso anno viene scritturato da una compagnia d’arte e parte per l’Africa orientale italiana. Quando la compagnia si divide, Carosone rimane in Africa e si spinge fino ad Asmara, dove conosce Italia Levidi, detta Lita, della quale si innamora e che sposa nel 1938, mentre l’anno dopo, a Roma, nasce il figlio Giuseppe.


È stato uno degli artisti italiani più rappresentativi del Novecento, simbolo della canzone napoletana nel mondo: cantautore, compositore, pianista, direttore d’orchestra, negli ultimi anni della sua vita anche pittore. Tutto questo, e anche di più, è stato Renato Carosone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *