17 Aprile 2024

Per il Mezzogiorno e la sinistra non è un Buon Natale

0

Fonte dal Web del On. Carmelo Conte

La sinistra non è in crisi, i suoi valori vivono, sono in crisi i partiti che ne usano il nome. La critica va innanzitutto al Pd, non per le sconfitte politiche , bensì per le sue stesse ragioni fondative. Si è rivelato un espediente di potere, un tentativo, di basso profilo , di replicare la Prima repubblica, mettendo insieme De Gasperi e Berlinguer, senza Turati, Nenni, Saragat, La Malfa, De Martino, Craxi, Einaudi e Croce. E con la prestesa di rapprsentare l’Italia delle Alpi denza il Mediterraneo. Lo prova, per ultimo, il dibattitto sulla legge di bilancio 2022: la proposta dirigista e senza respiro della maggioranza e la replica vuota e incolore delle opposzioni hanno trovato la loro unità nella cosidetta Auntonomia differenziata.
L’unica novità strutturale della programmazione nazionale che è quella coltivata dalla Lega, con buonsa pace per l’unità d’Italia, il Rinascimento europeo e il meridionalismo storico.
Al mezzogiorno non resta che insorgere, darsi una rappresentaza politica diretta. Certo, non ha i Mazzini e i Garibaldi, ma ha le energie culturalie e politiche per rilanciarne l’esempio e la missione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *