17 Giugno 2024

di Francesco Sampogna

La regione Campania, per qualità delle cure offerte ai cittadini è penultima nella classifica nazionale. De Luca, governatore della Regione Campania, ha fatto della Sanità il suo cavallo di battaglia, sottolineando anche i grossi sforzi fatti per garantire servizi e assistenza sanitaria ai cittadini campani. Eppure alla luce degli ultimi dati resi noti nella giornata di ieri, la Campania è tra le peggiori regioni italiane per qualità delle cure. Eccellenze mediche, infermieristiche ma qualità dei servizi … da rivedere, forse è meglio dire che la Sanità Campana è tutta non da rivedere ma letteralmente da RIORGANIZZARE? Riorganizzare sulla realtà dei territori distanze, viabilità ma prima di tutto la funzionalità dei servizi, strutture ospedaliere ed ambulatoriali letteralmente abbandonate, attrezzature ormai obsolete in uso , mentre altre attrezzature nuove di nuovissima generazione, chiuse in strutture ancora mai utilizzate, per mancanza di personale, e i cittadini costretti a fare chilometri per una TAC o altro esame.

A tracciare la graduatoria è il Rapporto dell’Osservatorio Gimbe Livelli essenziali di assistenza. Emerge in generale una netta spaccatura tra Nord e Sud, con le regioni settentrionali che hanno una qualità del servizio nettamente migliori. In testa c’è l’Emilia Romagna. Nella top 10, invece, nessuna regione del Sud. La sanità in Campania occupa addirittura il penultimo posto. Peggio solo la Sardegna. “Si tratta di una vera e propria ‘pagella’ per la sanità – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – che permette di identificare Regioni promosse (adempienti), pertanto meritevoli di accedere alla quota di finanziamento premiale, e bocciate (inadempienti)” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *