21 Giugno 2024

Redazione

La Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito un’ordinanza del divieto di esercitare imprese e di ricoprire uffici direttivi di persone giuridiche ed aziende, per la durata di un anno nei confronti di 4 persone, e un provvedimento di sequestro preventivo di beni per oltre 4 milioni di euro nei confronti di ditte individuali. Venti indagati, due interdizioni dalla gestione di impresa e sequestri per 3,8 mln di euro pari all’Iva che sarebbe stata evasa dal 2018 al 2021. Sono i risultati di un’indagine della Finanza di Firenze su una frode fiscale nella compravendita di carburante che interessa anche la Campania e la provincia di Salerno. Le indagini hanno svelato una sistema che avrebbe consentito di acquistare, da una ventina di ditte fornitrici ritenute “cartiere” e situate in diverse regioni d’Italia, tra cui la Campania, prodotti petroliferi a prezzi bassissimi, grazie proprio all’Iva evasa. Il carburante, acquistato e stoccato nei propri depositi, veniva poi rivenduto a prezzi altamente concorrenziali ad alcune pompe ‘bianche’ con margini di guadagno elevati rispetto alla media del mercato di settore. Tre persone sono finite ai domiciliari e beni per 1,7 milioni di euro nei confronti delle società rappresentate ed amministrate dai tre sono stati sequestrati, nell’ambito di un’operazione della Finanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *