17 Giugno 2024

dal Web

A Napule , si usa ca quanno se và ‘a truva a n’ amico ,

se porta ‘o zzucchero e ‘o cafè oppure nu paccchetto

e sfugliatelle ricce ‘e frolle , chest’ è n’ usanza antica ,

ca ancora mo’ se mette in pratica cu chistu pacchetto .

‘A truvà n’ amico , o parente quanno vene ‘o nomme ,

nun s’ adda i’ maje che mmane mmane , ma mmano

sempe c’ ‘o cartucciello pe’ festeggià chistu nomme ,

accussì ‘o festeggiato è felice e t’ astregne ‘a mano .

Si quacce vvote staje nervuso c”a vocca assai amara ,

tu màngete na sfugliatella , vide ca doppo mangiato

tienne ‘a vocca doce e se leva ‘o tuosseco e l’ amaro .

Cheste mo’ ffa pure ‘a mme quanno i’ stò ‘ncazzato !

Ah ! Chistu dolce è na granda cosa , s’ addà guardà

mmocca pe gulìo tanto ca tene ll’ addore prufumato

ca te fà doce pure ‘a casa e cchillo ca a ‘sta ‘a mangià .

Io appunto aiere , chesti sfuliatelle haggiù accattato !

‘A sfugliatella nascette nel MVIII dinto a nu cunviento era avanzaata in cucina

nu poco e pasta ‘e semola invece do ittà fu aggiunta

c”a frutta secca zzucchero e limoncello dint”a cucina ,

ottenendo nu ripieno cu pasta sfoglia mettenne tutto

dint”o furno a còcere ben caldo . chistu dolce avette

nu grande successo tra ll’ abbitante da zzona , e tutti

‘a mangià ‘stu dolce ca era cchiù ddoce de cunfiette !

Nel 1918 , il pasticciere Pasquale Pintauro , pe’ ccaso

truvaje ‘sta ricetta da cchiesta e San Gregorio Armeno

purtanno ‘a sfugliatella a Napule ca t’ addora ‘o naso ,

e tu da da mangià , nun ne può fà prprio ‘a mmeno ,

specie si è ‘a sfugliatella santarosa ca è cchiù bbella !

Scritta da Ciro Trocciola

Foto Samantha Laurenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *