15 Luglio 2024

Montecorvino Rovella – La denuncia di Cittadinanzattiva: “Una vergogna insopportabile. È ora di dire basta..!”

0

Riceviamo e Pubblichiamo

La denuncia di #cittadinanzattiva

Nota d’informazione per gli utenti consumatori di Montecorvino Rovella. Una vergogna insopportabile. È ora di dire basta..!

L’associazione consumatori cittadinanzattiva oltre di aver esposto denuncia per abuso d’ufficio presentata alla procura della Repubblica, chiederà i danni all’ente Poste S.p.a. attivando una Class Action sul territorio per i danni e ritardi causati agli utenti e correntisti per inadempienza e disuguaglianza dei diritti, formatosi tra la frazione Macchia e il capoluogo, dovuti all’inadeguatezza e disomogeneità strutturale ed inefficienza degli standard dei servizi universali non moderni presso gli uffici postale di via Enrico Quaranta in Mont.Rovella , creati per cattive pratiche e l’inosservanza dei diritti fondamentali di trasparenza che ne ha causato menefreghismo e dominanza arbitraria di abuso da parte dell’ente, non accogliendo il formale reclamo posto ad oggetto da circa un anno fa presso gli uffici e responsabili dei servizi postali dall’associazione consumatori cittadinanzattiva.

La denuncia di cittadinanzattiva vuole essere anche uno sprono per efficientare e migliorare i servizi universali dell’ente Poste Italiane S.p.a. per tenere gli uffici postali aperti anche di pomeriggio, eliminando l’imparzialità e creando esigenze sinergiche e atternative, le quali esistono già da tempo in modo operativo e con efficienza in altrettanti comuni di capoluogo d’Italia, attivando da subito il nuovo progetto Polis in ambito Nazionale e globale.

Per cui e nelle ipotesi che il disservizio continuerà a persistere senza porre rimedio e soluzioni ai disagi creati in modo logistico, burocratico e amministrativo, avente primario obiettivo di migliorare e costruire soluzioni qualitative ed efficienti dei nuovi servizi tecnologici presso l’ATM del capoluogo, le quali funzioni serviranno come nuove prospettive per il potenziamento degli uffici Postali già in funzione in scala Nazionale e nei piccoli comuni con il progetto Polis.

Quindi, avvertendo fin da ora l’ente Posta, che l’associazione consumatori qualora la vertenza rimarrà inascoltata verso gli utenti e correntisti, si attiveranno in modo civile e democratico per costituire anche un sit -in dimostrativo davanti agli uffici postali di via Enrico Quaranta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *