15 Luglio 2024

di Francesco Sampogna

«Modello fondamentale da investire sulla nostra salute»

«È ora di rendere prioritaria la diffusione della Dieta Mediterranea come modello fondamentale per investire sulla nostra salute».

La Dieta Mediterranea approda all’ONU, previsto l’evento intitolato ”Dieta mediterranea – Stile di vita per un futuro sostenibile. Un bene culturale, uno strumento strategico per lo sviluppo sostenibile”.

Il ministro Masaf Francesco Lollobrigida, ha sottolineato l’importanza di questo stile di vita. “L’Italia è una nazione piccola ma con grandissime potenzialità, spesso però sfruttate in maniera marginale. Abbiamo aggiunto la dicitura sovranità alimentare al ministero ma non è un concetto nuovo, ci sono tante nazioni che lo hanno già inserito nella propria costituzione e governi che già utilizzano questo termine come in Francia. Vogliamo porre al centro la produzione di qualità attraverso il rispetto del lavoro e all’interno di una filiera che veda il consumatore italiano e internazionale in grado di percepire tutto il valore della Dieta Mediterranea, che è un patrimonio dell’umanità.”

Il sindaco Pisani: investire sulla nostra salute

Il sindaco di Pollica, Stefano Pisani, dal Palazzo di Vetro, ha espresso compiacimento per le parole del ministro. «È ora di rendere prioritaria la diffusione della Dieta Mediterranea come modello fondamentale per investire sulla nostra salute. Finalmente, a 12 anni dal riconoscimento UNESCO, la Dieta Mediterranea diventa parte essenziale del programma di Governo», ha dichiarato. «Pollica e tutto il network delle comunità UNESCO oggi sono alle Nazioni Unite a rafforzare l’alleanza e offrire non solo spunti di riflessione, ma veri e propri laboratori sperimentali nexus tra salute, tutela del patrimonio ambientale ed energia, che partono dai territori come sta succedendo oggi in Cilento», ha aggiunto il primo cittadino. Nei giorni scorsi la Dieta Mediterranea ha festeggiato il suo dodicesimo compleanno, infatti il 16 novembre 2010 arrivò il riconoscimento Unesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *