15 Luglio 2024

di Francesco Sampogna

La salma di Pasquale Infante, ex consigliere comunale di Eboli, morto lunedì pomeriggio presso l’ospedale di Eboli, è stata posta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mentre la sua cartella clinica è stata sequestrata dai Carabinieri della locale Compagnia in seguito alla denuncia sporta dai suoi familiari.

Infante era in ospedale da dieci giorni fa, era stato ricoverato in Rianimazione in prognosi riservata. Diagnosi di ricovero sospetta encefalite, dopo alcuni giorni di ricovero il 51enne sembrava essersi ripreso, questo motivo per il quale Infante era stato trasferito nel reparto di Malattie Infettive, fino allo scorso weeekend quando la situazione è precipitata. Qualche settimana prima Infante aveva contratto anche il Covid, da cui era in seguito guarito.  sequestrate la salma e la cartella clinica del politico ebolitano. Si legge su “La Città di Salerno”, che l’Ospedale di Eboli è ancora in attesa dei risultati degli esami oncoematologici da Pagani e a quanto pare lo stesso ospedale non ha redatto una diagnosi di morte ben definita. Nella cartella clinica sequestrata, infatti, sarebbero stati elencati i farmaci e la metodologia di cura utilizzati per Infante, ma mancherebbe la causa del decesso. Indagini in corso per l’ipotesi di omicidio colposo ma al momento nessun iscritto nel registro degli indagati. La Procura della Repubblica di Salerno, dopo l’autopsia, dovrà decidere se proseguire o archiviare la vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *