19 Luglio 2024

www.giornaledelcilento.it

E’ stato salutato per l’ultima volta ieri, lunedì, dopo la celebrazione del rito ortodosso, Vasile Ghica, il muratore rumeno di 48 anni rinvenuto in una pozza di sangue in località Marco di Marina di Camerota la sera del 27 settembre scorso e poi deceduto dopo dieci giorni di agonia mentre era ricoverato in gravissime condizioni, in prognosi riservata, nel reparto di Rianimazione dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il 48enne si sarebbe procurato una ferita alla testa dopo essere caduto accidentalmente da un muretto mentre si trovava a pochi metri dall’abitazione dove era domiciliato. Le esequie, celebrate nella chiesa di Sant’Alfonso in piazza San Domenico a Marina di Camerota, hanno visto anche la lettura di una lettera da parte di un ragazzino che conosceva Vasile: «La dedico a te, amico mio».

Intanto prosegue la raccolta fondi per sostenere le spese funebri. Una colletta fortemente voluta dalla cittadinanza dove Vasile era benvoluto da tutti. «Chiunque vuole può ancora partecipare e depositare un’offerta spontanea presso l’azienda Edil Siani di Marina di Camerota» fanno sapere i promotori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *